odg sulla Crisi Bertone

La crisi dell’azienda Carrozzeria Bertone dura ormai da 4 anni, tra continue e contraddittorie voci di soluzioni imminenti e successive smentite. A soffrire maggiormente di questa situazione di grave incertezza sono soprattutto le famiglie dei 1300 lavoratori, molti dei quali risiedono sul territorio di Grugliasco, e che vivono in una condizione di intollerabile angoscia e frustrazione, con ammirevole dignità. La fattiva e quotidiana collaborazione tra i rappresentanti delle istituzioni della Regione, della Provincia, del Comune e le Organizzazioni sindacali dei lavoratori, ha permesso di scongiurare soluzioni traumatiche, perseguendo proposte industriali reali e dando così ai lavoratori un riferimento e fiducia nel futuro. L’intervento della Procura, con il sequestro dei Beni della Holding e dei conti correnti della sig.ra Lilli Bertone, seppure tempestivo, ha prospettato il blocco del pagamento degli stipendi dei lavoratori del mese di gennaio 2008. Il Consiglio Comunale della Città di Grugliasco, in attesa che il prossimo 8 febbraio vi sia il pronunciamento della Magistratura sul futuro della Carrozzeria Bertone, esprimere nuovamente solidarietà alle lavoratrici ed ai lavoratori della Bertone e impegna il Sindaco e la Giunta Comunale a:

 • Continuare a mantenere alta l’attenzione sull’evolversi della situazione dell’Azienda.

• Continuare gli sforzi congiunti con le altre istituzioni, a livello Provinciale, Regionale e Nazionale, sostenendo soluzioni che garantiscano il mantenimento degli attuali livelli occupazionali.

 • Intervenire nei confronti della Regione Piemonte, affinché si adoperi nel ricercare con rapidità, una idonea soluzione per la copertura dei salari del mese di gennaio 2008.

• Demandare al Patto Territoriale della Zona Ovest successive iniziative di sostegno al reddito con anticipo di pagamento di ulteriori ammortizzatori sociali che potranno essere concessi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *