Omaggio ai caduti – 30 maggio 2014 – Inviato dal Presidente della Consulta Antifascista di Grugliasco Giuseppe Rizzo

Carissimi amici e compagni,

questa mattina ho partecipato, con grande soddisfazione, ad un avvenimento storico che rimarrà inciso, in modo significativo, per chi lo ha vissuto in un ottica di nuova e futura cooperazione tra il il nostro Comune e il confinante Comune di Collegno. Per la prima volta, dal dopoguerra, un Sindaco neo eletto, oltre a rendere omaggio, posando una corona al sacrario dei 68 martiri del 30 aprile, nel proprio Comune, nel quale ero personalmente presente a rappresentare per delega il nostro Sindaco, in veste di Consulta Antifascista, ha voluto farlo anche al monumento eretto nella nostra città. Ad accogliere il neo Sindaco Francesco Casciano, accompagnato da alcuni familiari dei caduti, dall’ANPI collegnese e dagli ex Sindaci Franco Miglietti e Umberto D’Ottavio, c’erano rappresentanti dell’ANPI locale con relativa bandiera, guidati dal partigiano Antonio Falbo, l’Amministrazione Comunale, rappresentata dall’Assessore Pierpaolo Binda e la Presidente del Consiglio Comunale Florinda Maisto, privi della fascia istituzionale, accompagnati dai Consiglieri Emanuela Guarino e Gianni Sanfilippo. Erano altresì presenti alcuni rappresentati di Associazioni locali e alcuni cittadini incuriositi dalla cerimonia. Ritengo che l’eccezionalità di questo evento, forse, non valutato da tutti nell’importanza, il medesimo deve essere, invece, vissuto come segnale di amicizia e futura collaborazione tra i due confinanti Comuni, soprattutto in questo momento che è vigilia di un nuovo assetto politico/amministrativo del territorio, definito Città Metropolitana.

Col Sindaco Casciano abbiamo assunto l’impegno di costituire, a tempi brevi, un Comitato che oltre ai due Comuni, coinvolga l’associazione dei familiari delle vittime, l’ANPI e il Comitato Resistenza Colle del Lys, per organizzare, in modo importante, la celebrazione del 70° anniversario dall’eccidio.

Giuseppe Rizzo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *