Le analisi dell’Arpa “Dietro le puzze c’è la Servizi Industriali”

logo-arpa-nuovo

Ora la notizia è ufficiale 

 «Gli accertamenti hanno permesso di identificare l’azienda di trattamento rifiuti come la principale indiziata delle lamentele dei cittadini». Con queste parole, dopo 4 mesi di manifestazioni e proteste, la relazione tecnica dell’Arpa dà sostanzialmente ragione a quelle centinaia di beinaschesi che dallo scorso ottobre sostengono che le «puzze» tornate ad ammorbare l’aria provengano dall’ex Servizi Industriali (oggi Ambienthesis).

L’Agenzia regionale per la protezione ambientale ha finalmente accertato una «sostanziale trasparenza dell’impianto di abbattimento emissioni a una serie di molecole organiche», particolari composti che «pur non essendo dotati di tossicità significativa, sono comunque molto odorigeni e responsabili dei disturbi accertati». Le verifiche dell’Arpa, che ha sottolineato l’atteggiamento collaborativo di Ambienthesis e l’elevata qualità delle tecnologie utilizzate dall’azienda, hanno comunque generato una comunicazione di notizia di reato in Procura legata proprio all’abbattimento degli elementi inquinanti. Inoltre la Città Metropolitana ha inviato una diffida all’ex Servizi Industriali invitandola a presentare entro 60 giorni un progetto di miglioramento impiantistico.
«Chi ci additava come visionari adesso dovrà ricredersi», commenta il sindaco Maurizio Piazza. Che aggiunge: «Finalmente i tecnici dell’Arpa, che hanno svolto un lavoro prezioso e accurato, sono arrivati alle stesse conclusioni di questa amministrazione, del comitato Basta Puzze e di centinaia di semplici cittadini». Adesso si apre un nuovo fronte: «Ci aspettiamo di essere chiamati in Regione per discutere di norme stringenti in materia di emissioni odorigene, del rinnovo dell’autorizzazione ambientale e del definitivo trasferimento di un impianto che doveva essere rilocalizzato 20 anni fa». [M.MAS.]

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *