Catone dove vai?

Se vuoi essere all’altezza dei tempi d’oggi dai vita ad una fondazione.
Se poi voli alto la chiami Magellano, un brand impegnativo, come dire che hai coraggio da vendere, non ti poni limiti e che sei pronto ad affrontare un viaggio in mari sconosciuti e pericolosi.
I soci fondatori dimostrano di essere subito in linea con queste ispirazioni e  proclamano  che le finalità culturali della fondazione sono all’altezza del suo nome. Infatti la modesta intenzione statutaria è di “promuovere studi e ricerche nel campo del diritto, della storia, dell’etica, della responsabilità sociale, dell’economia, della finanza, della geopolitica  e della politologia”.  Gli entomologi hanno incassato con disappunto l’esclusione della loro materia, importantissima per l’umanità se avete letto qualcosa sui rischi legati alla scomparsa delle api.
All’inaugurazione della sede della nuova prestigiosa istituzione votata all’esplorazione nel vasto mare della conoscenza qualcuno avrebbe potuto attendersi la partecipazione di importanti nomi della cultura, disposti ad avviare studi e ricerche  nei campi del diritto, della storia  ecc ecc. ecc.
Avrebbe potuto aspettarsi pensieri alti e spregiudicati, capaci di dare una speranza anche al più scettico dei cittadini.  Invece in sintesi, i giornali ci raccontano che i convenuti “ l’unica cosa che  dicono di avere  in comune è che non voteranno per Fassino alle prossime elezioni”.
E chi sono i possibili “esploratori”? Leggendo Repubblica del 18/02/2016 vengono citati Angelo Burzi, ex capogruppo di Forza Italia in regione, Juri Bossuto, ex consigliere di Rifondazione Comunista e, Mariano Turigliatto, ex leader della lista Insieme per Bresso, ex Sindaco di Grugliasco, ex sia di maggioranza che oggi è in minoranza, ex verde, ex tutto.
Capito l’antifona?
Ferdinando il navigatore, il coraggio e l’ardimento, la scoperta, il diritto, l’etica e la geopolitica, tutto per un fantastico rassemblement.
E’ come se Magellano, convinto Carlo V della sua intenzione di circumnavigare l’intero globo terrestre, ottenuti nave e uomini, fosse partito per   la traversata del lago di Avigliana.
Al timone  di una delle navi che affronterà il pericoloso lago prealpino, indifferenti al forte vento della Valle di Susa, come neanche Di Caprio sul Titanic,  ci auguriamo tutti di poter seguire le gesta di questi Capitani Coraggiosi, gente per una sola stagione e di una sola parola. Vite trascorse in politica, vere e proprie circumnavigazioni (riecco gli esploratori) di gruppi, liste più o meno civiche, movimenti e partiti sulla base del motto  “politica delenda est,”.  Spesso campioni dell’antipolitica che però non disprezzano affatto la politica fino a sperimentarne tutte le manifestazioni possibili. Anche quelle più audaci come l’ambiziosa neo fondazione, dagli scopi nobili ma dall’intento  prosaico: abbasso Fassino.
La presenza di qualche nome discusso  e vivaci storie berlusconiane, non sono certo motivo di scoraggiamento. Leggiamo anche frasi tipo: “sono di sinistra ma la sinistra oggi è conservatrice” che poi in sostanza sono gli argomenti di tutti i trasformisti, che nel frattempo però pensano a che cosa possono  guadagnarci. “Vengo a sentire cosa si dice da queste parti” metti mai che…
I muri del consiglio comunale di Grugliasco risuonano di lezioni e di inquisizioni del navigatore del lago di Avigliana  sui comportamenti dei politici, sull’etica degli amministratori, sulle incapacità della giunta, sugli opportunismi di tutti,  esclusi gli amici. Il rigore dei giudizi , la severità delle condanne, l’austero moralismo sono tali che al confronto Catone il censore  sembra uno tollerante. Ma difficilmente i Romani lo avrebbero scoperto in qualche lupanare dopo l’arringa contro i baccanali e i cattivi costumi. Noi invece, appena condannati come politicanti, lo troviamo ad annusare l’aria che tira in un luogo non proprio santo e disinteressato. Ma tant’è , Magellano riuscì ad unire i due oceani, altri invece separarono se stessi dalla coerenza.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *