Meno scuole e più efficienza Un piano da 5,7 milioni di euro

gramsci

Patrizio Romano – La Stampa

«Riduciamo il numero dei plessi scolastici, ma consegniamo alla fine scuole più moderne, più sicure e meno costose». Sintetizza così, Roberto Montà, sindaco di Grugliasco, il piano di manutenzione ed accorpamento delle scuole della città. La prima e più attesa è la nuova Europa Unita, che aprirà i battenti a settembre, dopo anni di attesa. «Un investimento di 5,7 milioni di euro – spiega – e accoglierà gli alunni della Gramsci e della Europa Unita. Con una capienza di circa 400 studenti». E appena la Gramsci verrà svuotata partiranno i lavori, con fondi Inail, per altri 5,7 milioni per trasformare l’ex media ed accogliere due scuole: l’elementare Ungaretti e la materna Don Milani.
«Sarà pronta tra un paio d’anni – conferma -. E subirà un restyling completo». Le due scuole (Ungaretti e Don Milani) invece verranno abbattute. «Inoltre – aggiunge il vicesindaco Luigi Musarò – sta partendo la progettazione per ampliare la scuola elementare Baracca e creare di fianco la nuova materna Casalegno, e la vecchia sede, poi, verrà chiusa». Opere per quasi 2 milioni. Infine si lavora alla rimozione dell’amianto dai tetti delle scuole, all’efficienza energetico e al rifacimento degli impianti elettrici. Cantiere concluso all’elementare Don Caustico (165 mila euro), mentre è appaltato all’elementare King (600 mila euro, dove è prevista anche la posa dell’impianto fotovoltaico), ed è da appaltare per la materna Luxemburg (820 mila euro). «La riduzione dei plessi scolastici – afferma Montà – e l’efficienza energetica ridurranno le spese. Soldi che potremo investire per migliorare ancora le scuole».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *